Kiev sta preparando per oggi un’operazione per evacuare i civili dall’acciaieria Azovstal di Mariupol. lo si legge sul sito della Reuters, citando l’ufficio del presidente ucraino Volodymyr Zelensky: “Per oggi è in programma un’operazione per far uscire i civili dalla fabbrica”, afferma l’ufficio presidenziale, senza fornire ulteriori dettagli. In un tweet Josep Borrell, l’alto rappresentante dell’Ue per gli affari esteri ha scritto: “Mariupol è la Aleppo europea. La città è stata rasa al suolo, con migliaia di civili uccisi. Faremo di tutto per porre fine a questa guerra il più presto possibile. E a tal fine continueremo ad aiutare l’Ucraina”.  L’attacco di ieri su Kiev preoccupa l’Occidente. Il ministro Di Maio su Twitter  ha affermato che è “una nuova escalation che crea grande preoccupazione. Questa guerra va fermata subito. Pieno sostegno al popolo ucraino, ferma condanna della guerra di Putin”. Intanto la Camera Usa ha approvato una misura che consentirà a Joe Biden di usare una legge della seconda guerra mondiale per fornire più rapidamente armi all’Ucraina. Il presidente Joe Biden chiederà per l’Ucraina anche un altro finanziamento di 33 miliardi di dollari.