Il ministro degli Esteri, Wang Yi ha riferito che la Cina non vuole “essere colpita” dalle sanzioni alla Russia. “La Cina non è parte della crisi, tanto meno vuole essere colpita dalle sanzioni”- ha affermato Wang, nel resoconto della telefonata avuta con il suo omologo spagnolo Jose Manuel Albares diffuso oggi.

Wang Yi ha aggiunto come la Cina “si è sempre opposta all’uso delle sanzioni per risolvere i problemi, per non parlare delle sanzioni unilaterali che non hanno fondamento nel diritto internazionale, che danneggeranno il sostentamento delle persone in tutti i Paesi”. Inoltre, ieri la Cina, attraverso il capo della diplomazia del Partito comunista cinese Yang Jiechi, aveva avvertito gli Stati Uniti perché non diffondano “false informazioni per distorcere o screditare la posizione della Cina” rispetto alla crisi in Ucraina”.