La nave della Ong Sos Mediterranee con 113 migranti a bordo sarà a Ravenna attorno alle 11,30.  Ad attenderli, una imponente macchina organizzativa coordinata dal prefetto Castrese De Rosa.

I migranti saranno visitati, rifocillati, identificati e infine portati alle destinazioni finali previste dal piano di riparto regionale. Ha 17 giorni il più giovane dei passeggeri dell’Ocean Viking. Sono tre i neonati salvati, 34 i minori non accompagnati su 113 persone. Il più piccolo è figlio di una donna di 18 anni, uno dei quali trascorsi in Libia prima di scappare. Lungo circa 200 metri di banchina sono allestiti i diversi presidi riscaldati che li accoglieranno. Due tende del 118 per eventuali casi gravi, tre ambulatori di visita normale e due aree di attesa separate, una per i casi Covid e una per quelli non Covid. Oltre alle tende di presidio medico si trovano aree per il supporto sociale, operatori e clown della Croce Rossa per i tanti minori in arrivo (sono 35 in tutto). Panettoni, latte, bevande calde, caffè, ma anche giocattoli e indumenti sono predisposti. Infine è pronta una zona per il riconoscimento e l’identificazione. Un primo controllo sanitario verrà comunque effettuato a bordo nave da tre medici della sanità marittima.