L’autopsia sul corpo di Giulia Cecchettin ha rivelato che la giovane è stata uccisa da Filippo Turetta nell’area industriale di Fossò, a soli 6 chilometri dalla sua abitazione, intorno alle 23.40 di sabato 11 novembre. La datazione del decesso è stata possibile grazie all’esame post-mortem.

Le telecamere della zona industriale hanno registrato il momento in cui la Fiat Punto nera di Turetta scompare, avvenuto alle 23.50. Tuttavia, già alle 23.40, Giulia era deceduta a causa delle coltellate e delle lesioni subite nella seconda fase dell’aggressione perpetrata da Filippo. Le immagini documentano la tragica sequenza degli eventi che hanno portato alla morte della giovane in quella fatale notte di novembre.