“La maggioranza in Consiglio regionale ancora una volta ha dimostrato scarsa sensibilità in materia di salvaguardia della salute pubblica e dell’ambiente. C’era finalmente l’occasione di mettere in sicurezza le molteplici infrastrutture elettriche del nostro territorio che sorgono nelle immediate vicinanze di edifici ad uso residenziale, scolastico o sanitario, ma l’emendamento proposto dal sottoscritto è stato respinto”. Così in una nota il consigliere regionale del Lazio della Lega, Daniele Giannini, membro della Commissione Sanità, che nella giornata odierna ha presentato una richiesta di modifica al collegato di bilancio, con l’obiettivo di rimuovere tralicci e centrali, che sorgono all’interno delle ‘fasce di rispetto’ di Roma capitale e della Città metropolitana. “Come evidenziato anche da Arpa – continua – l’esposizione ai campi elettromagnetici comporta gravi conseguenze alla salute, ma il tentativo di tutelare residenti e utenti non è stato raccolto”. “Confido – conclude Giannini – che il centrodestra, tra tre mesi alla guida della Regione, possa approvare un ‘Piano di razionalizzazione della rete elettrica’, con le dovute coperture finanziarie, affinché si ripristini la tutela di comunità e territori”.