L’alto rappresentante dell’Ue Josep Borrell ha scritto su Twitter: “La decisione della Russia di sospendere la partecipazione all’accordo sul Mar Nero mette a rischio la principale via di esportazione di cereali e fertilizzanti, tanto necessari per affrontare la crisi alimentare globale causata dalla sua guerra contro l’Ucraina. L’UE esorta la Russia a revocare la sua decisione”. Il Centro di coordinamento congiunto (Jcc) responsabile della supervisione dell’accordo internazionale firmato il 22 luglio a Istanbul, ha riferito in un comunicato che nessun movimento di merci per il trasporto di grano ucraino nel Mar Nero è stato autorizzato per oggi. Il Centro, che riunisce a Istanbul i delegati di Russia, Ucraina, Turchia e Onu, ha dichiarato di essere stato informato dalla Russia delle sue “preoccupazioni per la sicurezza dei carichi” e di averle trasmesse alle delegazioni turca e ucraina.