R 45577 CAMERA DEI DEPUTATI VUOTA

Manovra, via libera definitivo della Camera con 355 sì

Dopo il voto di fiducia, a Montecitorio la legge di bilancio ha avuto il via libera finale: 45 i contrari. Ieri sera l’assemblea,  dopo aver votato la fiducia al governo sul maxi-emendamento sostitutivo dell’articolo uno del provvedimento, ha concluso il voto sui 22 articoli della seconda parte della legge di Bilancio, contenenti lo stato previsionale dei vari ministeri ed è passata all’esame dei 314 ordini del giorno.

Questa mattina, dopo le dichiarazioni di voto, c’è stato il voto finale del provvedimento. Tra le novità introdotte il taglio delle tasse, quota 102, Ape social allargato e Opzione donna, in attesa della riforma delle pensioni,  il rifinanziamento del Reddito di cittadinanza, il superbonus. Attenzione anche ai disabili, ai malati rari, alla distribuzione di cibo per i più poveri, alle donne vittime di violenza ed anche stop all’allevamento di animali da pelliccia e la proroga per i partiti per chiedere l’accesso al 2xmille.

Sul fronte pandemia, previsto un pacchetto sostanzioso con la proroga per tre mesi dell’esenzione della tassa per i tavolini all’aperto e un fondo da 150 milioni per turismo, spettacolo e auto. Nuovi stanziamenti per cure e vaccini, per la struttura del commissario Figliuolo e fondi per  stabilizzare medici e infermieri. Un aiuto anche per le scuole con sostegni economici per il sostegno psicologico degli studenti e proroga fino a giugno dei docenti e del personale Ata assunto durante l’emergenza per ridurre i disagi legati ad assenze e supplenze per Covid.

Sul fronte tasse, la nuova Irpef sarà a 4 aliquote (23%, 25%, 35%, 43%), e vengono riscritte anche le detrazioni, con una clausola salva-bonus 100 euro per i redditi bassi. C’è la cancellazione dell’Irap per 835mila autonomi. Previsto anche lo sconto, ma solo per un anno, di 0,8 punti percentuali dei contributi per i redditi fino a 35mila euro.
Sempre sul fronte fisco, viene sterilizzata l’Iva per il terzo settore fino al 2024, si riduce al 10% l’Iva sugli assorbenti e ci saranno 6 mesi di tempo per pagare le cartelle notificate nel primo trimestre.

Per le bollette, da gennaio ad aprile potranno essere spalmate in 10 rate. Nel primo trimestre annullati gli oneri di sistema per le utenze della luce fino a 16kwh. Giù al 5% l’Iva sul gas, tagliati gli oneri di sistema. Infine, proroga dello sconto sul mutuo per gli under 36 e  sconto per l’affitto per i giovani under 31. Le Pmi che assumono con contratti di apprendistato avranno lo sgravio del 100% dei contributi per tre anni, con invece multe salate a chi non paga i tirocini. Salta il tetto Isee per il Superbonus per le villette, basterà aver completato il 30% dei lavori entro giugno per godere della proroga fino a fine 2022. Per il prossimo anno ci sarà anche un bonus del 75% per abbattere le barriere architettoniche.