Il presidente del Consiglio Mario Draghi si è dimesso. Il governo resta in carica per il disbrigo degli affari correnti. Dopo aver incontrato il presidente Mattarella al Quirinale, Draghi ha visto a palazzo Giustinani la presidente del Senato Elisabetta Casellati e a Montecitorio il presidente della Camera Fico. I presidenti sono attesi al Quirinale nel pomeriggio. Dal Colle arriva la nota: “Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha ricevuto questa mattina al Palazzo del Quirinale il Presidente del Consiglio dei ministri professor Mario Draghi, il quale, dopo aver riferito in merito alla discussione e al voto di ieri presso il Senato ha reiterato le dimissioni sue e del governo da lui presieduto. Il Presidente della Repubblica ne ha preso atto, il governo rimane in carica per il disbrigo degli affari correnti”. Lo  dichiara dal Quirinale il Segretario generale della Presidenza della Repubblica Ugo Zampetti. E’ previsto nel pomeriggio un consiglio dei ministri che adotterà un provvedimento che definisce il perimetro per il disbrigo degli affari correnti.  Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, riceverà nel pomeriggio al Palazzo del Quirinale i Presidenti delle Camere, ai sensi dell’art. 88 della Costituzione. Casellati salirà al Quirinale alle 16.30. Alle 17 toccherà invece al presidente della Camera Roberto Fico. L’articolo 88 della Costituzione citato nel comunicato del Quirinale recita: “Il Presidente della Repubblica puo’, sentiti i loro Presidenti, sciogliere le Camere o anche una sola di esse”. L’incontro con Casellati e Fico ha dunque come oggetto la valutazione sullo scioglimento delle Assemblee parlamentari. Intanto il ministro della Pubblica Amministrazione Renato Brunetta ha lasciato Forza Italia motivando in una nota: “Non votando la fiducia a Draghi, Forza Italia ha tradito la sua storia e i suoi valori. Non sono io che lascio, è Forza Italia che lascia se stessa”.