Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella ha ricordato Giovanni Leone, dicendo che, come Antonio Segni, chiese “la non rieleggibilità del presidente della Repubblica con l’eliminazione del semestre bianco”. Il presidente lo ha detto in un incontro al Quirinale in occasione dei 20 anni della morte di Giovanni Leone.  “Leone definiva la stampa componente essenziale della società. La stampa è al servizio della verità ma sappiamo come la verità sia spesso inafferrabile, accontentiamoci che ci sia un riscontro oggettivo, la buona fede. Per concludere credo che si possa fare un caloroso invito ad avere tutto il riguardo per la dignità della persona che va salvaguardata. Difficile trovare una campagna scandalistica come quella rivolta contro Giovanni Leone”. Mattarella ha ancora aggiunto: “Giovanni Leone non ebbe remore ad abbandonare una responsabilità che gli era congeniale, quella di presidente della Camera. ha mostrato coraggio e generosità a corrispondere all’interesse generale della vita della Repubblica. Ed anche in un momento grave per il Paese, c’era appena stata Piazza della Loggia, Leone si adoperò per una lenta ricucitura del tessuto sociale. E quello della ricucitura, del rammendo, è tema che tornerà frequentemente nella pedagogia dei presidenti che si sono succeduti al Quirinale”.