Giorgia Meloni, premier e fondatrice di Fratelli d’Italia (FdI), ha inviato una lettera perentoria ai dirigenti del suo partito, dichiarando tolleranza zero verso qualsiasi manifestazione di razzismo, antisemitismo o “stupido folklore”. La leader ha espresso rabbia e tristezza per come certe azioni hanno rappresentato il partito, sottolineando la necessità di escludere chi non condivide questi valori.

La lettera arriva in risposta a un’inchiesta di Fanpage, che ha filmato giovani militanti di FdI impegnati in atti antisemiti, razzisti e di esaltazione del nazismo. Tra i momenti più scioccanti, le risate su una senatrice del partito, Ester Mieli, per le sue origini ebraiche. Meloni ha annunciato imminenti espulsioni e sospensioni per i responsabili riconoscibili nei video.

Il messaggio di Meloni si rivolge a tutti i membri del partito, in particolare ai dirigenti che avrebbero dovuto intervenire per tempo. Ha insistito sulla necessità di distinguere chiaramente chi è dentro e chi è fuori dal partito, ribadendo che non c’è spazio per posizioni razziste o antisemite.

Nel frattempo, la commissione guidata dalla senatrice Liliana Segre ha deciso di acquisire i video dell’inchiesta Fanpage per approfondire la questione. Meloni ha dichiarato che FdI non tollererà atteggiamenti che alimentano una narrazione utile solo agli avversari politici, ribadendo che chi non è in grado di tenere il passo con questi principi non può far parte del partito.