il presidente  della Provincia di Bolzano Arno Kompatscher e il sindaco meranese Dario Dal Medico hanno firmato nei giorni scorsi  l’atto che avvia il progetto di finanziamento dei lavori di ristrutturazione dell’impianto di Maia.

Il presidente della Provincia Arno Kompatscher e il sindaco di Merano Dario Dal Medico hanno firmato a Merano l’accordo che dà il via al finanziamento per la riqualificazione dell’ippodromo di Maia, con l’acquisizione del 60% dell’impianto da parte della Provincia. Il progetto di diventa finalmente realtà. Un gioiello dell’impiantistica sportiva e culturale dell’Alto Adige, con una lunga e luminosa storia alle spalle, pronto dunque a proiettarsi nel futuro.  ha sottolineato il presidente Arno Kompatscher – Riqualificare e valorizzare questa struttura significa garantire un futuro sviluppo, non solo dell’impianto, ma dell’intera città e provincia, e legare ancor di più l’ippodromo, già riconosciuto a livello internazionale, al nostro territorio, che potrà finalmente fruire di una moderna ed accogliente struttura. Un centro di riferimento per l’ippica, per i cavalli e anche per gli avelignesi, come sottolinea Kompatscher.  E’ un atto di fondamentale importanza perché permette di garantire il futuro dell’attività ippica a Merano e anche – considerando gli ulteriori immobili interessati dall’operazione – di pianificare altrettanto importanti interventi di sviluppo urbanistico migliorando i servizi offerti alla cittadinanza, aggiunge dal canto suo Dal Medico. E la firma sullaa dichiarazione d’intenti è inoltre la conferma di una ritrovata intesa, rispetto al più recente passato, nei rapporti con il Governo provinciale.
Il Comune della città del Passirio cederà in permuta alla Provincia il 60% della proprietà del complesso immobiliare dell’ippodromo. La gestione sia ordinaria che straordinaria avverrà in modo paritetico, attraverso la creazione di un Comitato di gestione, composto da 2 rappresentanti della Provincia e 2 per il Comune di Merano. L’organismo avrà il compito di individuare gli obiettivi e le fasi di intervento per dare attuazione al piano di rilancio. A tal fine, verrà elaborato un documento strategico di rilancio dettagliato, anche in collaborazione con esperti del settore ippico. Questo documento analizzerà le diverse potenziali attività del complesso dell’ippodromo, verificandone la fattibilità e tenendo conto anche delle ricadute sul tessuto economico locale. La Provincia, per parte sua, cederà gratuitamente al comune di Merano il complesso dell’ex ospedale Böhler, a Maia Alta, una parte dell’ex tribunale e l’edificio Maria Ward, quest’ultimo con vincolo di destinazione a scopi sociali. La futura riqualificazione dell’intera area dell’ippodromo dovrà essere posta a base di un concorso internazionale di progettazione, che dovrà rispettare i vincoli storico-architettonici dell’impianto, che copre una superficie di circa 35 ettari ed è frutto di un progetto di architettura razionalista, completato nel 1935. L’obiettivo del progetto è quello di adeguare l’impianto meranese alle attuali esigenze sportive, sociali, culturali e turistiche