Il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi in un’intervista a Repubblica spiega che “non ci sono mai stati tanti soldi per la scuola”. E indica investimenti sugli ambienti scolastici, per metterli in sicurezza e realizzare “più laboratori” e “aule in grado di adattarsi a diverse esigenze”. Inoltre, il ministro indica le misure per combattere la dispersione scolastica, permettendo ai ragazzi di tutto il Paese di avere le stesse opportunità. Sul modo in cui verranno spesi i 17,59 miliardi nel Pnrr, il ministro Bianchi risponde: “Nuove scuole e riqualificazione di quelle esistenti” ed aggiunge: “A novembre partono i bandi per i primi 5 miliardi”.