Evgenya Kara-Murza, moglie di Vladimir Kara-Murza, un noto politico d’opposizione russo attualmente detenuto, ha parlato in esclusiva al Festival Internazionale del Giornalismo 2024, anticipando la sua intervista all’ANSA. Secondo Kara-Murza, il principale problema interno della Russia è il regime di Putin, da cui derivano tutte le altre questioni.

“Mio marito è sopravvissuto a due agguati da parte del FSB, i servizi segreti russi, e è stato coinvolto anche nell’avvelenamento con il Novichok”, ha raccontato Kara-Murza. Ha sottolineato che non vede il marito dal giorno del suo arresto nell’aprile 2022 e ha espresso preoccupazione per la sua salute, considerando il suo recente deterioramento fisico e il trattamento psicologico subito in carcere.

Kara-Murza ha evidenziato le tattiche oppressive del regime di Putin, incluso l’utilizzo di punizioni psichiatriche e l’isolamento degli oppositori dal mondo esterno. Ha descritto la cella di isolamento in cui è detenuto il marito, sottolineando la necessità di far conoscere le storie dei dissidenti russi per contrastare la strategia del regime.

Secondo Kara-Murza, la pace e la stabilità nel continente europeo dipendono da una Russia democratica, e quindi è necessario porre fine al regime di Putin. La sua intervista completa sarà trasmessa durante il Festival di Perugia il 20 aprile.