A Roma, durante il corteo di giovani manifestanti che aderiscono a varie realtà tra cui Aracne, Zaum, Coordinamento Collettivi Sapienza e studenti delle scuole superiori, si sono verificati momenti di tensione con le forze dell’ordine. Il gruppo, compreso anche da attivisti trasfemministi, ha tentato di raggiungere l’Auditorium dove si tengono gli Stati generali della natalità, ma è stato bloccato dalla polizia.

Gli organizzatori, attraverso i social, accusano le forze dell’ordine di aver caricato il corteo trasfemminista che cercava di esprimere la propria rabbia davanti all’Auditorium. Nonostante la situazione sia tornata sotto controllo e il corteo sia fermo su via Leone IV nel quartiere Prati, la volontà dei manifestanti era originariamente di raggiungere l’Auditorium. Tuttavia, la presenza del Papa all’evento ha portato ad un rafforzamento delle misure di sicurezza, con la polizia che ha impedito al corteo di deviare verso via della Conciliazione, mantenendo il percorso diretto verso piazza Cavour.