Arriva l’ordinanza choc del sindaco di Saint-Gervais per i troppi alpinisti improvvisati. Il sindaco afferma: “Non deve essere il contribuente francese a pagare questi costi”. Troppi “pseudo alpinisti” ignorano, infatti,  la raccomandazione di non scalare il Monte Bianco lungo la via normale francese dal rifugio del Gouter a causa delle importanti cadute di pietre legate alla siccità.

Il sindaco di Saint-Gervais, comune francese su cui si trova l’itinerario di salita, ha così stabilito che chi vorrà scalare la vetta dovrà versare una cauzione da 15 mila euro, di cui 10 mila euro pari “al costo medio dei soccorsi” e 5 mila euro per “le spese di sepoltura della vittima”.