Il primo ministro russo Mikhail Mishustin ha, infatti, vietato ai funzionari governativi di lasciare il Paese senza un permesso speciale. La notizia è stata riportata dal Kyiv Independent, che cita il media russo The Bell.

I permessi possono essere rilasciati da Mishustin solo per i viaggi ufficiali e le restrizioni non si applicano ai dipendenti dell’Amministrazione presidenziale. La notizia fa seguito ad alcune indiscrezioni pubblicate dal Financial Times all’inizio della settimana secondo cui i servizi di sicurezza russi stanno confiscando i passaporti di alti funzionari e dirigenti di aziende statali per impedire i viaggi all’estero, “mentre la paranoia per le fughe di notizie e le defezioni si diffonde nel regime del presidente Vladimir Putin”.