Il Primo Ministro israeliano Benyamin Netanyahu sarà sottoposto questa sera a un intervento chirurgico per un’ernia, come annunciato dal suo ufficio. L’intervento avverrà con anestesia generale, e durante questo periodo il Ministro della Giustizia Yariv Levin assumerà temporaneamente la guida del governo.

Una delegazione composta da membri dello Shin Bet e rappresentanti del Mossad è partita per il Cairo per colloqui sul rilascio degli ostaggi, secondo quanto riportato da Haaretz online. Un funzionario di Hamas ha dichiarato che il movimento non ha ancora deciso se inviare una delegazione al Cairo e a Doha per discutere di una nuova tregua a Gaza. Hamas ritiene che le posizioni tra il movimento e Israele siano ancora troppo distanti per fare progressi nei negoziati. In una conferenza stampa, Netanyahu ha dichiarato che Israele sta mostrando flessibilità nei colloqui, mentre Hamas sta diventando più rigido nelle sue posizioni. Netanyahu ha spiegato che Hamas chiede il ritorno senza controlli degli abitanti di Gaza nel nord della Striscia, compresi i terroristi, ma accettare tutte queste richieste avrebbe implicazioni sulla sicurezza di Israele. Netanyahu ha dichiarato che le Forze di Difesa Israeliane (IDF) sono pronte ad operare a Rafah, evacuare la popolazione civile e distribuire aiuti umanitari. Assicurando che questa è la cosa giusta da fare a livello operativo e internazionale, Netanyahu ha promesso che i battaglioni di Hamas a Gaza saranno eliminati, anche se ci vorrà del tempo.