Alla giornalista filippina Maria Ressa ed al giornalista russo Dmitry Muratov sono stati assegnati i Nobel per la pace “per i loro sforzi per salvaguardare la libertà di espressione, che è una condizione preliminare per la democrazia e una pace duratura”.

“La decisione di assegnare il Premio Nobel per la pace per il 2021 ai giornalisti Maria Ressa e Dmitry Muratov è un riconoscimento importante al giornalismo di inchiesta che svolge un ruolo insostituibile nell’illuminare le periferie del mondo e non a caso è sempre più nel mirino di regimi e criminali. L’auspicio è che questo riconoscimento sia uno sprone per le istituzioni nazionali e internazionali ad adottare i provvedimenti a tutela del diritto di cronaca più volte annunciati a mai approvati”. Lo afferma, in una nota, la Federazione nazionale della Stampa italiana.