R 45577 CAMERA DEI DEPUTATI VUOTA

Passa alla Camera dei deputati la manovra di Governo con 221 voti favorevoli, 152 no e 4 astenuti. Adesso la lunga nottata per approvare il testo. Poi la finanziaria approderà al Senato per un iter blindato.

L’emendamento per inserire la Carta cultura giovani nei giorni scorsi aveva di fatto escluso i fondi per l’acquisto di Villa Verdi da parte dello Stato, per la cui salvezza un mese fa si era impegnato il ministro Gennaro Sangiuliano. Il governo, a ridosso della maratona notturna in Aula, ha inserito la residenza che fu del compositore fra le esigenze indifferibili: così sono stati spostati 20 milioni di euro dal fondo del ministero dell’Economia a quello della Cultura, modificando una delle tabelle allegate al provvedimento da 35 miliardi di euro complessivi. Oltre a quella per Villa Verdi, anche una che stanzia 400mila euro (sempre risorse dell’esecutivo) per contrastare la peste suina in Piemonte, su cui in commissione non si era trovato l’accordo politico per usare il fondo parlamentare. La svolta è arrivata per il pressing di Lega e FdI, ed è stata tradotta in due emendamenti del governo alle tabelle, da approvare in Aula dopo la votazione sulla fiducia, che invece si mette solo sul testo della legge.

“È una manovra in un momento difficile, non fa miracoli ma aiuta tante persone” – ha affermato il vicepremier Matteo Salvini. “FI – sottolinea il capogruppo Alessandro Cattaneo – ha dato un contributo decisivo”. Il voto contrario del Pd è accompagnato dalla convinzione che “non sia una manovra coraggiosa ma vigliacca”. Per il leader M5s Giuseppe Conte lo slogan della maggioranza “conteneva un errore: non ‘siamo pronti’ ma ‘siamo proni'”. Avs, stigmatizzando le “12 sanatorie”, promette il ricorso all’Ue contro la norma sulla caccia, denunciando l’ordine del giorno con cui la Lega chiede di “declassare il lupo da specie protetta”. E dal Terzo polo Luigi Marattin parla di “un livello di approssimazione e incapacità mai visto”.