Un uomo con un giubbotto da motocliclista ed un casco integrale ha sparato 4 colpi di pistola per poi darsi alla fuga in un bar di Pescara. Il sindaco Carlo Masci ha chiesto una chiara presa di posizione da parte degli organi territoriali dello Stato. “E’ stata un’esecuzione incredibile, questa città non può permettersi una cosa del genere – ha affermato- C’è necessità di più forze dell’ordine sul territorio. Entrano in città 300 mila persone che devono essere controllare e tranquille. Il Ministro dell’Interno deve assolutamente intervenire e far sì che ci siano più forze dell’ordine. Ci sono solo due pattuglie della polizia che controllano la città, sono troppo poche”.  Il fatto è avvenuto all’angolo tra via Ravasco e la Strada Parco, in una zona residenziale a poche centinaia di metri dal centro della città. La vittima si chiamava Walter Albi, 66 anni, e risulta iscritto all’albo degli architetti. C’è stato anche un ferito grave, Luca Cavallito, 48 anni, ex calciatore con precedenti penali. Secondo le prime ricostruzioni a sparare risulta sia stato una sola persona giunta in moto. Tra i primi a lanciare l’allarme unadipendentedel Bar del Parco che si è nascosta sotto ad un tavolo e ha contattato il 118 parlando sottovoce. Sembra che si tratti di un’esecuzione, un regolamento di conti.