AD8E5777-402C-4083-88A7-359736E74BC3

Tra le eccezioni di questa perdita di ricchezza senza precedenti c’è Diasorin, che nell’ultimo mese ha guadagno oltre il 14 per cento, sulla scia della sperimentazione di test diagnostici rapidi per individuare il contagio da Covid19. Il titolo peggiore è stato Fiat Chrysler, che in un mese ha perso il 40 per cento. Al secondo posto nella classifica delle perdite più ampie c’è Atlantia (-39%), seguita da Cnh Industrial (-37%).

E’ andata male anche ai titoli finanziari e a quelli del risparmio gestito. Mediobanca ha perso il 35%, Banca Generali il 34%, Unicredit il 32%. Intesa SanPaolo ha lasciato sul terreno il 29%.

Il momento drammatico sulle Borse di tutto il mondo non è destinato a finire presto, anche perché i livelli di volatilità giornaliera sui listini monitorati dall’indice Vix restano anche oggi in area 50 punti, sullo stesso livello di quelli registrati durante la grande crisi del 2008.