“L’accordo finalmente raggiunto in sede europea sul tetto europeo al prezzo del gas dimostra che questa misura non soltanto era necessaria ma anche possibile. Una vittoria italiana che restituisce speranza nell’Europa che vorremmo. Un risultato frutto del lavoro svolto dal presidente Giorgia Meloni nelle ultime settimane, dal ministro Pichetto Fratin e dall’ex ministro Roberto Cingolani che aveva portato questa misura all’attenzione del Consiglio già diversi mesi fa”.

È quanto afferma l’europarlamentare di Fratelli d’Italia fratelli-ECR, Nicola Procaccini, responsabile ambiente ed energia del partito, commentando l’accordo raggiunto a Bruxelles sul prezzo al tetto del gas a 180 euro.

“Alcuni aspetti di questo accordo dovranno essere meglio definiti, ma già i primi effetti sono ben visibili. Mi riferisco al calo delle quotazioni sul mercato TTF di Amsterdam e al crescente nervosismo di Putin che fino ad oggi aveva guadagnato di più, pur vendendo di meno.

Dispiace soltanto non aver raggiunto prima questo benedetto accordo sul price cap – conclude Procaccini – Ci saremmo risparmiati molte sofferenze da parte di famiglie, imprese e bilanci nazionali”.