Intervento delle forze dell’ordine nell’area del rave di Mezzano, nel Viterbese. Nelle ore notturne c’è stato un notevole afflusso in uscita di mezzi provenienti dal rave del lago. Nei varchi di uscita viterbesi presidiati, i partecipanti all’evento sono stati identificati.

Non si sono registrate finora particolari criticità per quanto riguarda l’ordine e la sicurezza pubblica, fa sapere la questura di Viterbo. Al momento, risultano presenti ancora una cinquantina di mezzi e circa 100 persone. Continua anche il monitoraggio dei presidi di accesso all’area con identificazione dei partecipanti all’evento: ad ora sono state identificate oltre 2.000 persone e più di 700 mezzi.

Nelle prime ore del mattino, informa la questura viterbese, le forze dell’ordine si sono avvicinate al sito del raduno verificando una ridotta presenza. “La pressante attività di mediazione in corso fin dall’inizio dell’evento, unita ad un monitoraggio incessante delle zone di accesso al sito – viene aggiunto – ha consentito un allontanamento controllato dei partecipanti all’iniziativa”.

Il rave era arrivato al quinto giorno consecutivo. L’evento non autorizzato, che ha chiamato a raccolta giovani da tutta Europa, è iniziato nelle campagne di Valentano nel Viterbese dalla notte fra il 13 e il 14 agosto. Le forze dell’ordine hanno controllato da giorni la zona a ridosso del terreno per impedire nuovi accessi. In corso una riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza in Prefettura. Sul tavolo anche la questione del rave in corso.