E’ stata riaperta in anticipo la circolazione sull’Autostrada del sole chiusa per le operazioni di disinnesco del residuato bellico trovato nel greto del fiume Paglia, nell’orvietano.

E’ stato riattivato il transito dei treni sulla linea veloce e quella lenta Roma-Firenze. Il personale del Genio ferrovieri di Castel Maggiore ha infatti rimosso la spoletta e messo in sicurezza l’ordigno. Anche le circa 2.400 persone evacuate stanno tornando nelle loro case.

Intorno all’ordigno, una bomba d’aereo di fabbricazione americana da 500 libbre, è stata creata un’area di sicurezza di 826 metri, che ha portato all’evacuazione di circa 2.400 residenti nell’area. Il traffico è stato interrotto alle 7 sul tratto tra Lazio, Umbria e Toscana dell’A1 per consentire in sicurezza le operazioni di disinnesco ed era stata istituita l’uscita obbligatoria a Orte, con rientro a Fabro in direzione Firenze, e a Valdichiana, rientro a Orvieto, verso Roma.