ROMA- Grande preoccupazione e sconcerto per l’incidente avvenuto al Liceo artistico Caravillani di Roma, dove uno studente di 17 anni con autismo è caduto da un piano superiore, riportando gravi ferite. L’episodio ha sollevato un immediato allarme tra le associazioni che tutelano i diritti delle persone con disabilità, che chiedono un intervento urgente del Ministero dell’Istruzione.

Il presidente della Fish (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), Vincenzo Falabella, ha espresso solidarietà alla famiglia del ragazzo e ha criticato la mancanza di sorveglianza che ha permesso un incidente così grave. Falabella ha chiesto l’invio immediato di ispettori scolastici per chiarire le dinamiche dell’accaduto e ha sollecitato un confronto urgente con il Ministero dell’Istruzione per migliorare l’inclusione scolastica e prevenire simili tragedie in futuro.

Anche l’Angsa (Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici) ha definito l’incidente un campanello d’allarme sulla carenza di assistenza e tutela per i ragazzi con autismo nelle scuole. L’associazione ha ribadito la necessità di una supervisione continua per questi studenti, le cui esigenze variano significativamente da caso a caso.

Entrambe le associazioni chiedono al Ministro dell’Istruzione, Giuseppe Valditara, di prendere immediatamente coscienza della situazione e di avviare misure concrete per garantire la sicurezza e l’inclusione degli studenti con disabilità.