ROMA- L’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato accompagnato dal Direttore generale della Asl Roma 2, Giorgio Casati e dalla Presidente dell’AILS – associazione italiana lotta alla sclerodermia, Gabriella Verzì ha visitato questa mattina l’ospedale Pertini in occasione dell’Open day sulla Sclerosi Sistemica organizzato per effettuare visite gratuite e test preliminari. Si tratta di una malattia rara cronica e progressiva di tipo autoimmune di cui il genere femminile è maggiormente colpito. La prima manifestazione clinica della malattia, in oltre il 90% dei casi è una manifestazione vascolare, il fenomeno di Raynaud, che va tempestivamente riconosciuto e inviato a completamento diagnostico attraverso uno specifico esame vascolare detto video – capillaroscopia della plica ungueale.

“L’unità di Medicina Vascolare e Autoimmunità dell’Ospedale Sandro Pertini di Roma è centro di riferimento regionale per la Sclerosi Sistemica ed è dedicato alla diagnosi differenziale delle differenti forme di Acrosindromi Vascolari che possono essere primarie o secondarie a malattie autoimmuni o malattie sistemiche internistiche. Un centro importante dove attualmente afferiscono per la cura e il follow up oltre 340 pazienti affetti Sclerosi Sistemica, circa 300 pazienti affetti da connettivite indifferenziata e oltre 1.200 pazienti affetti da acrosindromi vascolari primitive e secondarie provenienti da tutta la regione e da altre regioni di Italia” ha spiegato l’Assessore Alessio D’Amato.

Il centro diretto dalla dottoressa Antonella Marcoccia promuove più volte l’anno Open day come quello di questa mattina e campagne di screening e di sensibilizzazione con il patrocinio dell’AILS – associazione italiana lotta alla sclerodermia.