ROMA- «Con oltre 1.200 nuove assunzioni, 178 nuovi posti letto e gli investimenti per la realizzazione di cinque nuovi ospedali, la Giunta regionale del Lazio ha dato un importante segnale volto al rilancio della sanità del Lazio, una risposta rapida e concreta ai
problemi derivati alla chiusura dell’ospedale San Giovanni Evangelista di Tivoli dopo l’incendio di sabato scorso. Il percorso di risanamento, reso ancora più complesso dal debito della sanità che abbiamo ereditato dalle precedenti amministrazioni, è solo all’inizio ma con il presidente Rocca continueremo a lavorare per offrire quelle risposte che i cittadini attendono da anni». Lo ha detto Luisa Regimenti, assessore al Personale, alla Sicurezza urbana, alla Polizia locale e agli Enti locali.

«Il cambio di passo si registra anche nello stanziamento di 376 milioni di euro per interventi di adeguamento alla normativa antincendio delle aziende sanitarie e ospedaliere della Regione – ha concluso Regimenti – Vogliamo garantire più sicurezza tanto agli operatori sanitari che ai pazienti che hanno il diritto di avere una degenza senza rischi. Drammatici eventi come quello di Tivoli non devono più ripetersi».