All’appello per completare il cast dei 28 artisti in gara all’Ariston, mancavano in sei: i migliori tra i 12 finalisti di Sanremo Giovani che ieri sera si sono dati battaglia, in diretta su Rai1. Ad avere la meglio, e ad aggiudicarsi un posto all’Ariston dal 7 all’11 febbraio, sono stati: Shari, Colla Zio, gIANMARIA (che ha vinto la serata con La città che odi), Sethu, Will, OLLY.
I veri protagonisti della serata sono stati i 22 Big già annunciati, che sono passati dal Casinò della cittadina ligure per presentare al pubblico il titolo del brano che porteranno in gara. E non è mancata qualche sorpresa tra gli autori di alcuni brani: Damiano David dei Maneskin ha scritto Duemilaminuti per la debuttante Mara Sattei, Riccardo Zanotti dei Pinguini Tattici Nucleari firma Terzo Cuore il pezzo di Leo Gassmann (che torna al festival dopo la vittoria tra le Nuove Proposte nel 2020), per i Cugini di Campagna (che in onore della loro prima volta al festival hanno improvvisato un coro a cappella, e non hanno risparmiato una frecciatina ai Maneskin dopo le polemiche di tempo fa sul look copiato) c’è invece La Rappresentante di Lista che ha composto per lo storico gruppo Lettera 22. Difficile ancora capire quali mondi si celino dietro una parola, e allora spazio – almeno per ora – alle suggestioni.
Ultimo ha scelto Alba, Tananai invece Tango, Madame è in cerca de Il bene nel male. Parole dette male per Giorgia, Supereroi per Mr. Rain e Due per Elodie. Sanremo 2023 segna grandi ritorni come quello di Gianluca Grignani (Quando ti manca il fiato), del vincitore di dieci anni fa Marco Mengoni (Due vite), dei Modà (Lasciami), delle sorelle più famose della musica italiana Paola e Chiara (Furore), degli Articolo 31 (Un bel viaggio) e dell’artista con più presenze al festival Anna Oxa con Sali (Canto dell’anima).
La serata di festa è stata aperta da Amadeus e Gianni Morandi, che sarà co-conduttore a febbraio, nel ricordo di Sinisa Mihajlovic, scomparso oggi, al quale è stata dedicata la puntata.