Lo sciopero del personale del gruppo Fs, di Trenitalia, Trenitalia Tper, Trenord e Italo ha causato notevoli disagi in tutta Italia. L’agitazione, proclamata dai sindacati di base tra cui Cub Trasporti e Sgb, ha portato a numerosi ritardi e cancellazioni di treni, costringendo i passeggeri a lunghe code per riprogrammare i viaggi o ottenere rimborsi.

I sindacati hanno denunciato le condizioni di lavoro degli addetti al servizio, descrivendole come “gravemente carenti” soprattutto per quanto riguarda le garanzie di sicurezza. Le critiche sono rivolte sia alle aziende che alla politica, in particolare al ministro dei Trasporti, accusato di ignorare le richieste dei lavoratori e di incolpare chi sciopera di causare danni al pubblico.
L’assenza di fasce orarie di garanzia, previste solo nei giorni feriali, ha aggravato la situazione durante il weekend. A Torino, il traffico regionale è stato paralizzato con 12 cancellazioni nel pomeriggio, incluso un Intercity per Genova. A Milano, molti treni a lunga percorrenza sono stati cancellati, provocando ritardi sugli altri convogli. Nonostante Trenord abbia assicurato la regolarità del 70% dei treni, i disagi sono stati notevoli.

In Emilia Romagna, lo sciopero ha coinciso con il weekend della Notte Rosa, colpendo cittadini e turisti. Affollamenti e code si sono registrati anche nelle stazioni di Firenze, Roma (dove i collegamenti con l’aeroporto di Fiumicino sono rimasti regolari) e Napoli, penalizzando soprattutto i turisti stranieri e i pendolari del mare.
Particolarmente critica è stata la situazione della ferrovia Circumvesuviana, molto utilizzata dai vacanzieri diretti agli scavi di Pompei e alla costiera sorrentina.
Assoutenti ha chiesto alla Commissione di garanzia sugli scioperi di intervenire per vietare qualsiasi sciopero nel settore dei trasporti pubblici durante il periodo delle partenze estive. L’associazione ha proposto di estendere il periodo di franchigia estivo (attualmente dal 27 luglio al 5 settembre) dal 15 luglio al 15 settembre, includendo treni, aerei, metro e bus.