Un frame tratto da un video pubblicato sul profilo TheBorderline su TikTok mostra uno dei cinque ragazzi che hanno provocato su una Lamborghini l'incidente a Casal Palocco in cui ha perso la vita un bambino di 5 anni. Il picccolo viaggiava sull'utilitaria con la madre. +++ TIKTOK/THEBORDERLINE +++ ATTENZIONE L'IMMAGINE NON PUO' ESSERE RIPRODOTTA SENZA L'AUTORIZZAZIONE DELLA FONTE CUI SI RINVIA +++ NPK +++

Un grave incidente stradale a Casal Palocco ha causato la morte di un bambino di cinque anni e il ferimento della madre e della sorellina di quattro anni. Il conducente del SUV Lamborghini coinvolto nell’incidente è un giovane ventenne di nome Matteo Di Pietro, che è risultato positivo ai cannabinoidi. Gli investigatori stanno anche valutando la posizione delle altre quattro persone a bordo dell’auto. Se venisse accertato che stavano girando un video come parte di una “sfida” online che incitava il conducente, potrebbero essere accusati di complicità. L’incidente è avvenuto quando la city car è entrata in collisione frontalmente con il SUV Lamborghini, noleggiato solo due giorni prima, guidato dal giovane e con quattro persone a bordo. Non ci sono segni di frenata sulla strada. Un breve video apparso online mostra uno dei giovani che afferma: “Secondo giorno in Lamborghini, per adesso tutto bene”.

Le condizioni del bambino sono subito apparse disperate, ed è stato dichiarato morto quando sono arrivati i soccorsi. La madre, di 29 anni, e la figlia di tre anni sono rimaste ferite ma non sono in pericolo di vita. La figlia è stata trasferita dall’ospedale Sant’Eugenio al Bambino Gesù e successivamente dimessa, mentre la madre rimane ricoverata al Sant’Eugenio con contusioni e in uno stato di forte shock. Sul luogo dell’incidente sono stati deposti fiori, peluche e girandole colorate.

Si sospetta che i ragazzi a bordo del SUV stessero filmando l’incidente, anche dopo l’accaduto, e un padre di un altro bambino coinvolto ha ripreso la scena e discusso con loro. I residenti del quartiere si sono indignati per il comportamento dei giovani e alcuni hanno testimoniato di aver notato il SUV circolare ad alta velocità nei giorni precedenti. Il proprietario della concessionaria che ha noleggiato l’auto ai giovani è stato descritto come arrabbiato perché l’auto era stata danneggiata.

Il video girato subito dopo l’incidente mostra i passanti che si scagliano contro i ragazzi a bordo del SUV, con un signore che grida: “Ma che cavolo hai fatto?”. Nel video sono visibili le due auto distrutte, con la Smart schiacciata dal SUV, e in secondo piano un ragazzo con una maglietta del gruppo di youtuber The Borderline.

Il vicepremier e ministro Matteo Salvini ha commentato l’incidente, affermando che se sei un recidivo e togli la vita a qualcuno a causa della tua irresponsabilità alla guida, non dovresti vedere più la patente per il resto della tua vita, e non solo una sospensione temporanea. Ha menzionato il nuovo codice della strada in discussione.