Il Minor Planet Center dell’Unione Astronomica Internazionale ha annunciato ufficialmente la scoperta di tre nuove lune nel Sistema Solare, una che orbita attorno a Urano e due attorno a Nettuno.

Queste lune, con diametri compresi tra 8 e 23 chilometri e periodi orbitali tra 2 e 27 anni, sono le meno luminose mai osservate finora da telescopi terrestri. La scoperta è stata resa possibile grazie ai telescopi gemelli Magellano, situati presso l’osservatorio di Las Campanas in Cile, e al Subaru nelle Hawaii.

Scott Sheppard dell’Istituto Carnegie a Washington ha confermato la scoperta di questi tre piccoli astri, sottolineando che è stata necessaria un’elaborazione speciale delle immagini per rivelare oggetti così deboli. Le lune di Urano diventano così 28 e 16 quelle di Nettuno.

Le nuove lune non hanno ancora un nome definitivo. Quella di Urano, attualmente denominata S/2023 U1, ha un diametro di 8 chilometri e impiega 680 giorni terrestri per completare un’orbita attorno al pianeta. Secondo le convenzioni dell’Iau, la nuova luna di Urano, insieme alle altre 27, sarà presto nominata con il nome di un personaggio delle opere di William Shakespeare.

Le due lune di Nettuno sono attualmente indicate con le sigle S/2002 N5 e S/2021 N1, in attesa di ricevere il nome di una delle Nereidi, le ninfe marine della mitologia greca.