ROMA- Semaforo verde per la Asl Roma 4. La Asl diretta dal direttore generale Cristina Matranga ha raggiunto ottimi numeri per quanto riguarda gli screening oncologici, superando abbondantemente i parametri auspicati dalla Regione. Almeno questo è quello che emerge dai dati primi dati preliminari. Sia lo screening mammografico, che quello della cervice uterina, cosi come quello del colon retto, hanno avuto livelli di adesione tra i più alti della regione. In particolare quasi il 50% della popolazione invitata ai test di mammografia ha risposto positivamente, così come il 41 % per il test alla cervice uterina e il 35 % per gli screening per il colon. Un risultato frutto del lavoro certosino di comunicazione e invito allo screening effettuato dai dipendenti e dirigenti Asl.

“Tra le molteplici attività sanitarie che hanno risentito negativamente dell’epidemia da Sars Cov 2 ci sono i programmi di screening. La Asl Roma 4 ha inteso interpretare al meglio l’attività di recupero di queste importanti prestazioni di prevenzione riorganizzandole profondamente. Gli screening consistono solo in apparenza in prestazioni semplici, in realtà l’organizzazione è molto complessa ed onerosa coinvolgendo trasversalmente numerosi settori aziendali: gli specialisti delle diverse branche (radiologi, endoscopisti, laboratoristi, chirurghi, ginecologi), il dipartimento per le professioni sanitarie, i Distretti, i servizi amministrativi (provveditorato, personale bilancio), tecnici” ha spiegato il direttore generale Cristina Matranga.

Importante anche il supporto garantito dagli Enti locali e dalle associazioni di volontariato: “L’impegno sinergico profuso da tutti nel 2021 ha dato i suoi frutti e le prime analisi regionali premiano la Asl Roma4 che consegue “semaforo verde” sui principali indicatori di tutti e tre gli screening oncologici (mammella, cervice uterina, e colon retto – spiega la dottoressa Elisabeth Galliano, Coordinatore degli Screening Oncologici della Asl Roma 4 – Il 2022 è iniziato quindi sotto i migliori auspici con gli obiettivi di fidelizzare ulteriormente gli utenti, rendere le prestazioni sempre più di prossimità per facilitare la popolazione, stabilizzare le risorse dedicate” . “Naturalmente la partecipazione è di fondamentale importanza in quanto favorisce lo sviluppo e la crescita delle attività oltre che garantire al meglio la salute pubblica con interventi scientificamente validati, la cui qualità è costantemente monitorata e completamente gratuiti” , aggiunge ha concluso il dg Cristina Matranga.

Gli screening ad oggi attivi e prenotabili al numero verde 800539762 (dal lun al ven ore 9/13) sono per:

·prevenzione dei tumori della mammella (donne nella fascia di età 50-69 anni), estendibile, su richiesta dell’interessata fino a 74 anni

prevenzione dei tumori del collo dell’utero (donne nella fascia di età 25-64 anni)

prevenzione dei tumori del colon retto (uomini e donne nella fascia di età 50- 74 anni).