Questa mattina, il presidente di Fincantieri, Claudio Graziano, è stato trovato morto nel suo appartamento nel centro storico di Roma. L’ipotesi più probabile è il suicidio. Il corpo è stato rinvenuto alle 9:50 da un carabiniere della sua scorta che possedeva una seconda chiave dell’appartamento. Graziano, ex Capo di Stato Maggiore della Difesa, era disteso sul letto e, secondo le prime ricostruzioni, si sarebbe sparato un colpo in testa durante la notte, lasciando un biglietto. Sul posto sono intervenuti il medico legale, il magistrato di turno e i carabinieri. Recentemente, Graziano aveva perso la moglie.

Claudio Graziano era presidente di Fincantieri dal 2022. L’azienda, in una nota ufficiale, ha espresso “immenso dolore per l’improvvisa scomparsa del Generale Claudio Graziano, Presidente del Gruppo, che lascia un grande e incolmabile vuoto. L’amministratore delegato e direttore generale Pierroberto Folgiero, il Consiglio di amministrazione, il collegio sindacale, i dirigenti e tutti i dipendenti di Fincantieri ne ricordano con commozione le straordinarie doti umane e professionali che lo hanno da sempre contraddistinto nella sua lunga carriera.”

Nato a Torino nel 1953, Graziano aveva frequentato l’Accademia Militare di Modena, proseguendo poi con la specializzazione in ambito militare. Tra il febbraio 2015 e il novembre 2018 è stato Capo di Stato Maggiore della Difesa e ha guidato il comitato militare dell’UE. Dopo la notizia della sua morte, il titolo di Fincantieri ha registrato una perdita del 3% in borsa, con un successivo parziale recupero.

Le reazioni politiche sono state immediate e sentite. La premier Giorgia Meloni ha dichiarato: “Sono sconvolta dalla notizia della tragica scomparsa del Generale Claudio Graziano. Ci lascia un integerrimo servitore dello Stato, che in tutta la sua vita ha reso onore alla Nazione, alle Forze Armate e alle Istituzioni con dedizione, competenza e professionalità. Desidero rivolgere, a nome mio e di tutto il Governo, il cordoglio e la vicinanza alla sua famiglia e ai suoi.”

Anche il ministro degli Esteri, Antonio Tajani, ha ricordato Graziano su X: “La scomparsa del generale Claudio Graziano mi lascia senza parole. Era un amico ed è stato uno straordinario ufficiale che ha reso onore all’Italia anche nei suoi ruoli europei. Una preghiera lo accompagni nel viaggio per raggiungere la sua sposa.”

Il vicepremier e ministro delle Infrastrutture, Matteo Salvini, ha espresso “profondo cordoglio” per la scomparsa del presidente di Fincantieri, definendo la notizia “sorprendente e molto dolorosa,” e ha offerto le sue condoglianze alla famiglia.

Il ministro della Difesa, Guido Crosetto, ha commentato: “Con il generale Claudio Graziano abbiamo vissuto percorsi comuni esaltanti e allo stesso tempo impegnativi per migliorare la nostra Difesa. La sua scomparsa mi lascia un profondo senso di tristezza e rappresenta una grave perdita per la Difesa e per l’intera Italia.”

Lorenzo Guerini, ex ministro della Difesa, ha dichiarato: “Profondamente addolorato per la morte del Generale Claudio Graziano. Lo ricordo con amicizia e con la più alta stima per il Suo lavoro a servizio dello Stato. Che la terra gli sia lieve.”

La tragica scomparsa di Claudio Graziano lascia un vuoto significativo non solo nel mondo militare e industriale italiano, ma anche tra tutti coloro che hanno apprezzato il suo impegno e la sua dedizione al servizio del Paese.