La calma torna a Bruxelles dopo un’azione di protesta degli agricoltori che ha visto l’assedio dei trattori nel quartiere delle istituzioni dell’Unione Europea. Circa 250 mezzi agricoli si sono schierati nelle vicinanze del Parlamento Europeo, della Commissione Europea e del Consiglio dell’UE, manifestando la volontà di rimanere fino alle 19, quando si prevede che i ministri dell’Agricoltura europei lascino la città.

Le forze dell’ordine, impegnate a gestire la situazione, hanno risposto con idranti e gas lacrimogeni ai lanci di petardi e proiettili di gomma da parte dei manifestanti. Le vie principali del quartiere UE e le stazioni della metropolitana di Maelbeek e Schuman sono rimaste chiuse per garantire la sicurezza.

L’azione dei manifestanti è stata caratterizzata da momenti di tensione crescente, con l’utilizzo di petardi per far esplodere balle di fieno e l’incendio appiccato vicino alla stazione della metropolitana di Maelbeek, dietro al Consiglio europeo.