Lo Stato Maggiore Generale delle Forze Armate ucraine su Fb, citato da Unina ha affermato che l’esercito ucraino ha inflitto perdite significative alle truppe russe nella direzione di Kramatorsk, città orientale nel Donetsk. “Nella direzione di Kramatorsk, i russi hanno sparato contro le infrastrutture civili nelle aree di Siversk e Gryhorivka. Le unità ucraine hanno inflitto perdite significative al nemico durante il suo tentativo di offensiva nelle aree degli insediamenti di Verkhnokamianske, Belogorivka e Gryhorivka. Gli occupanti si sono ritirati”.

L’esercito ucraino avrebbe anche respinto l’assalto delle truppe russe nei pressi di Dolyna, in direzione di Sloviansk. Secondo l’esercito di Kiev, le forze militari russe sono state ricacciate indietro vicino a Dolyna. Intanto la Russia lancia un nuovo attacco all’Occidente: “I Paesi occidentali devono rendersi conto di essere responsabili della morte dei civili nelle repubbliche del Donbass e in altre parti dell’Ucraina, dove il regime di Kiev sta usando le armi fornite dall’Occidente contro i civili soprattutto a scopo intimidatorio”- ha dichiarato il ministro degli Esteri Sergey Lavrov in visita a Hanoi, secondo quanto riferisce la Tass.

L’offensiva russa nel Donbass, dopo la conquista del Lugansk, prosegue con la stessa strategia anche in Donetsk. Sono 335 i bambini morti dall’inizio della guerra in Ucraina.