Russia e Ucraina sarebbero pronte a tornare la prossima settimana a sedersi attorno allo stesso tavolo a Istanbul. L’ultimo colloquio risale al 29 marzo. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan spera di riuscire a riprendere il filo del  dialogo, in particolare per sbloccare il porto di Odessa. Alla riunione dovrebbe partecipare anche il segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres. Un vertice che punta a definire il meccanismo di funzionamento dei corridoi navali per l’export di cereali. L’obiettivo è di sbloccare “35-40 milioni di tonnellate di grano, che dovrebbero essere inviate sui mercati mondiali attraverso gli stretti del Bosforo e dei Dardanelli nei prossimi 6-8 mesi”. Intanto proseguono i bombardamenti nella regione di Lysychansk. I combattimenti proseguono anche nella zona industriale di Severodonetsk e su Kharkiv, dove i missili russi hanno colpito diverse infrastrutture, tra cui una scuola.