Dall’inizio dell’invasione in Ucraina sono circa 41.350 i soldati russi che sono stati uccisi. Nel suo aggiornamento sulle perdite subite finora da Mosca, l’esercito ucraino indica che si registrano anche 223 caccia, 191 elicotteri e 740 droni abbattuti.

Inoltre le forze di Kiev affermano di aver distrutto 1.774 carri armati russi, 939 sistemi di artiglieria, 4.022 veicoli blindati per il trasporto delle truppe, 15 navi e 180 missili da crociera. Intanto la nave partita da Odessa con 26 tonnellate di mais, la prima nave a esportare cereali dall’Ucraina dopo l’invasione russa a fine febbraio, è ispezionata nei pressi dell’entrata del Bosforo sul Mar Nero a Istanbul. lo comunica il ministero della Difesa turco.  La  nave “Razoni”, battente bandiera della Sierra Leone, è partita lunedì mattina da Odessa con un carico di 26mila tonnellate di cereali ed è arrivata a Istanbul ieri sera. Dopo l’ispezione, la nave riprenderà il suo viaggio verso Tripoli in Libano, la sua destinazione finale.