Il ministro degli Esteri di Kiev, Dmytro Kuleba, parlando al vertice dell’Associazione delle nazioni del sud-est asiatico in Cambogia, ha detto che la guerra in Ucraina “continua, la lotta per la liberazione del Paese andrà avanti”. Il procuratore generale dell’Ucraina Andriy Kostin, in un’intervista alla Bbc, ha precisato che l’Ucraina non sta prendendo in considerazione colloqui con la Russia per porre fine alla guerra. Per il senatore russo Sergei Tsekov, membro del Comitato per gli affari internazionali del Consiglio della Federazione russa, intervistato dalla Tass, “i negoziati tra Mosca e Kiev avranno sicuramente luogo, ma i tempi del loro svolgimento dipendono dalla posizione dei partner dell’Ucraina”. Tsekov ha poi aggiunto che “il raggiungimento di qualsiasi risultato a seguito dei negoziati sembra improbabile, dal momento che Kiev assume una posizione inaccettabile, chiedendo alla Russia la restituzione dei territori perduti e un risarcimento”.