Proseguono gli attacchi missilistici russi sulle città ucraine. Un missile russo ha colpito nelle prime ore di oggi un edificio residenziale di sei piani nella città di Kharkiv, nell’Ucraina orientale, distruggendolo in parte.

Ieri la guerra aveva fatto registrare la prima strage di civili da quando i russi si sono concentrati nell’offensiva sul Donetsk. Tre missili hanno distrutto un palazzo nella cittadina di Chasiv Yar, provocando almeno 18 morti, ma il bilancio rischia di essere provvisorio. Tra le macerie sono stati estratti 15 corpi senza vita e 6 superstiti, ma oltre 20 persone sarebbero rimaste intrappolate, inclusa una bambina di nove anni. Nel raid è stato colpito anche un altro condominio. Il ministro della difesa di Kiev Oleksii Reznikov in un’intervista al Sunday Times ha detto che l’Ucraina sta raggruppando un milione di forze combattenti equipaggiate con armi occidentali per recuperare i territori meridionali occupati dalla Russia.