La Borsa di Milano apre in netto rialzo, dopo la caduta di ieri per effetto dell’invasione della Russia in Ucraina. Il primo indice Ftse Mib guadagna l’1,03% a 25.136 punti. La Borsa di Mosca vola in avvio di seduta, dopo il tonfo di ieri con l’invasione dell’Ucrania. L’indice Micex avanza del 9,87% a 2.261 punti. Sul fronte valutario il rublo si rafforza sul dollaro e sull’euro, dopo il crollo della vigilia. Al cambio attuale per un dollaro ci vogliono 83,66 rubli, dopo aver toccato ieri il minimo di 89,60. Nei confronti dell’euro, la divisa russa è scambiata a 93,50, dopo aver toccato ieri un minimo storico di 101,03. Le Borse europee avviano la seduta in netto rialzo, dopo il tonfo della vigilia con l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia. Gli investitori stanno valutando le sanzioni decise dalla comunità internazionale nei confronti della Russia, ritenute meno forti del previsto. Avvio di seduta in terreno positivo per Francoforte (+1,27%), Parigi (+0,78%), Londra (+1,02%) e Madrid (+0,54%)