Sono state almeno tre le esplosioni udite ieri a Kiev. Le autorità locali hanno riferito di un attacco missilistico russo alle infrastrutture critiche della capitale ucraina.

Per il momento non si segnalano nè vittime né feriti. Secondo il sindaco di Kiev, Vitali Klitschko, esplosioni hanno colpito il quartiere di Dniprovskyi della capitale, situato sulla riva orientale del fiume Dnipro. Una serie di esplosioni era stata udita nelle prime ore del mattino a Kiev, senza che fosse risuonato alcun allarme aereo: lo riporta il sito del settimanale Zerkalo Nedeli. Le forze russe hanno colpito  la città di Kharkiv, nell’Ucraina orientale, con due missili S-300: lo ha reso noto su Telegram il sindaco, Ihor Terekhov, come riporta il Kyiv Independent. La metropolitana di Kharkiv è stata chiusa dopo le esplosioni di questa mattina e successivamente il traffico “è stato completamente ripristinato”. Le forze russe hanno attaccato di nuovo  la città di Zaporizhzhia, nell’Ucraina sud-orientale, colpendo due volte con l’artiglieria pesante, la notte scorsa, il distretto di Nikopol, nella regione di Dnipropetrovsk, nell’Ucraina meridionale.  Le truppe russe hanno attaccato questa mattina con lanciarazzi multipli la città di Ochakiv, nella regione di Mykolaiv, nell’Ucraina meridionale. Gli attacchi sono avvenuti poco dopo le 6:00 ora locale (le 5:00 in Italia).