ROMA- «La Regione Lazio oggi compie un passo in avanti importante in tema di diritto allo studio e di attenzione alle problematiche degli studenti universitari del Lazio. Con la legge 42 del 2023 a prima firma del consigliere Angelo Tripodi approvata dal Consiglio regionale che istituisce l’Osservatorio regionale sugli interventi, sui servizi e sulle prestazioni per il diritto allo studio universitario si dà vita a uno strumento efficace per raccogliere informazioni e svolgere indagini sulle principali criticità che ostacolano il diritto allo studio nel Lazio, a partire dal caro alloggi universitari. La Giunta Rocca, come dimostra l’intervento di DiSCo Lazio che ha allargato a tutti gli idonei l’elenco dei vincitori delle borse di studio 2023-2024, è al lavoro per affrontare le criticità segnalate dagli studenti»

Lo ha dichiarato l’assessore al Personale, alla Sicurezza urbana, alla Polizia locale, agli Enti locali e all’Università della Regione Lazio, Luisa Regimenti

«Il percorso legislativo ha avuto il merito di coinvolgere le principali rappresentanze studentesche del Lazio, un confronto con gli studenti che è stato molto positivo e che ha contribuito a modellare la proposta di legge recependo le loro istanze. Un metodo virtuoso che sarà istituzionalizzato con la creazione dell’Osservatorio e grazie al quale la voce degli studenti sarà più forte e renderà più efficace e più condivisa l’azione della Giunta Rocca sui temi del diritto allo studio», ha concluso l’assessore all’Università, Luisa Regimenti.