Vaccinarsi a pochi passi dal mare e dal proprio ombrellone e senza prenotazione. Una modalità di somministrazione, quella proposta dalla Asl Roma 3, che sta convincendo anche gli indecisi. L’iniziativa era rivolta inizialmente a tutti i ragazzi di età compresa tra i 16 e i 30 anni (i minorenni dovevano essere accompagnati dai genitori), ma visto il successo è stata data la possibilità di vaccinarsi anche ai quarantenni e ai cinquantenni. Presso tre stabilimenti di Ostia sono stati organizzati altrettanti punti vaccinali in cui era possibile ricevere la prima dose del vaccino Pfizer nel corso della serata, dalle 18 alle 22.

L’iniziativa è stata un successo, come detto, ed è servita, stando a quanto hanno dichiarato diversi cittadini ai microfoni di Fanpage.it, a convincere anche tanti indecisi. “Avevo un po’ paura, però alcuni miei amici lo hanno fatto e mi hanno detto ‘tutto ok’. Per questo mi sono convinto”, racconta un ragazzo subito dopo aver ricevuto la prima dose. E ancora un altro signore: “All’inizio non volevamo farlo, poi ci siamo convinti e abbiamo colto questa occasione al volo”.

Racconta il dottor Filippo Muscolo, direttore del X distretto sanitario della Asl Roma 3: “Siamo veramente soddisfatti di come sta andando l’iniziativa. Visto il successo, abbiamo aperto anche ai quarantenni e ai cinquantenni e probabilmente sforeremo le 100 somministrazioni giornaliere”. Spiega Michele De Fazio, titolare dello stabilimento La Bonaccia di Ostia: “Molti clienti hanno aderito e sto ricevendo telefonate da 72 ore di gente che vuole aderire. Questo mi riempie di orgoglio perché in un momento come questo essere utili è fondamentale. Mettersi a servizio della collettività mi sembra il minimo in un momento storico come questo”.