Il ministro Valditara ha confermato l’impegno del Ministero per onorare la memoria di Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e della loro scorta, nonostante l’impossibilità di spostare la prova concorsuale nazionale per i dirigenti scolastici prevista per il 23 maggio. Valditara ha sottolineato l’importanza delle figure del giudice Falcone, della moglie e degli uomini della scorta, vittime della mafia, come esempi sacri per tutta l’Italia onesta e per il Governo.

Il Ministero dell’Istruzione e del Merito e l’Ufficio scolastico regionale per la Sicilia hanno organizzato una mobilitazione di circa 5000 studenti e insegnanti che parteciperanno alle iniziative commemorative a Palermo, affermando che la scuola è un luogo fondamentale per l’educazione alla legalità e il contrasto alle mafie.

Il ministro ha espresso rammarico per le polemiche sorte riguardo alla data della prova preselettiva, spiegando che la scelta non è stata fatta dal Ministro ma dal direttore della struttura responsabile, che ha individuato il 23 maggio come unica data idonea per motivi tecnici e organizzativi, evitando la coincidenza con le prove Invalsi già programmate.