– La tradizionale Via Crucis del Papa, il Venerdì Santo, non si terrà al Colosseo ma sul sagrato di San Pietro. Salta, nel giorno del Giovedì Santo, la messa del crisma, in cui si benedivano gli oli per le celebrazioni dell’anno a seguire. Sono alcune delle novità delle celebrazioni della Settimana Santa del Papa che si svolgeranno comunque senza pellegrini ma con le poche persone ammesse che aiutano nella celebrazione, così come già avviene per la messa a Santa Marta o per il rosario che si recita ogni giorno in basilica. «In seguito alla straordinaria situazione che si è venuta a determinare, a causa della diffusione della pandemia da Covid-19, e tenendo conto delle disposizioni fornite dalla Congregazione del Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, con Decreto in data 25 marzo 2020, si è reso necessario – comunica il Vaticano – un aggiornamento in relazione alle prossime celebrazioni liturgiche presiedute dal Santo Padre Francesco: sia in ordine al Calendario, sia in ordine alle modalità di partecipazione». È dunque confermato che il Papa «celebrerà i Riti della Settimana Santa all’Altare della Cattedra, nella Basilica di San Pietro, secondo il seguente calendario e senza concorso di popolo». Il 5 aprile 2020, alle ore 11, celebrerà la messa per la Domenica delle Palme. Il 9 aprile, Giovedì Santo, alle ore 18, si terrà la Messa nella Cena del Signore. Normalmente Papa Francesco ha celebrato questa messa fuori dal Vaticano, in un carcere o in un centro migranti. Non si terrà invece la messa del crisma che dovrebbe essere rinviata alla fine dell’emergenza sanitaria. Il 10 aprile, Venerdì Santo, il Papa celebrerà alle 18 la Passione del Signore e alle 21 presiederà la Via Crucis sul Sagrato della Basilica di San Pietro. Sabato 11 aprile terrà alle 21 la messa per la Veglia pasquale, mentre domenica 12 aprile, alle 11, celebrerà la messa di Pasqua, al termine della quale impartirà la Benedizione ‘Urbi et Orbì