Vino sempre più protagonista dell’offerta enogastronomica del Lazio che si conferma tra le regioni italiane più vocate alla viticoltura ma anche tra quelle che più stanno investendo sulle produzioni autoctone, naturali e sulla promozione delle proprie produzioni d’eccellenza anche attraverso gli appuntamenti fieristici nazionali e internazionali più importanti.

In particolare, nel loro intervento all’apertura di Excellence alla Nuvola dell’Eur, è stata confermata dall’assessora all’Agricoltura del Lazio Enrica Onorati e dal presidente di Arsial Mario Ciarla, la partecipazione della Regione a Prowein, la fiera internazionale di Vini e Liquori in programma a Düsseldorf dal 19 al 21 marzo 2023, e quella alla prossima edizione di Vinitaly.

 

“Possiamo con orgoglio e soddisfazione dire che pazienza e costanza sono state premiate. Per anni abbiamo interloquito con gli organizzatori di Prowein per poter avere uno spazio per il Lazio, mantenendo il nostro posto in una sorta di lista di attesa, e finalmente le eccellenzs vitivinicole laziali avranno nel 2023 la loro vetrina a Dusseldorf. Era un impegno che avevo stretto personalmente con le nostre produttrici e i nostri produttori e sono felice di poter dire che la promessa non è stata vana, e che oggi lanciamo le call per le due più importanti manifestazioni del settore a livello internazionale: Prowein e Vinitaly.

 

La qualità vitivinicola del Lazio è cresciuta costantemente negli anni, nonostante le difficoltà legate prima alla crisi pandemica e poi al conflitto internazionale, e come Regione confermiamo il nostro impegno a sostegno del vino di qualità e delle eccellenze del nostro territorio” dichiara l’Assessora Agricoltura, Foreste, Promozione della Filiera e della Cultura del Lazio, Pari Opportunità della Regione Lazio, Enrica Onorati.

“E’ motivo di grande soddisfazione il ritorno del Lazio a Prowein, tra le maggiori piattaforme di business per il mondo del vino. Una scelta che dimostra la capacità sempre crescente delle nostre produzioni di competere a livello internazionale. Il vino si conferma al centro delle politiche agricole del Lazio, tanto per l’importanza che riveste per lo sviluppo dell’intero settore, quanto per il suo ruolo di ambasciatore dei diversi territori della regione che, nel corso del tempo, proprio sulla lavorazione del vino e della vite hanno costruito una parte sostanziale della propria identità. Promuovere i nostri vini nei maggiori contesti internazionali, diffondere la conoscenza di produzioni, aziende e vitigni autoctoni in una platea sempre più ampia è parte integrante della mission di Arsial. Anche per questo è importante continuare a investire e scommettere sulla partecipazione ai grandi eventi internazionali, come occasioni utili a far crescere fiducia, consapevolezza e riconoscimento della forza e del potenziale delle nostre aziende e delle nostre produzioni” dichiara il Presidente di Arsial, Mario Ciarla.