di WANDA CHERUBINI –

VITERBO – La sindaca Chiara Frontini ha scelto gli assessori ed oggi, 30 giugno, presso la sala consiliare di Palazzo di Priori, ha presentato alla stampa le persone che la affiancheranno nel nuovo percorso politico.
La giunta comunale è, quindi, formata da questi assessori: Alfonso Antoniozzi, Promozione della cultura locale; Iniziative per lo sviluppo della cultura; Dialogo delle culture: Educazione; Città Universitaria. Antoniozzi sarà anche vice sindaco; Film, Emanuele Aronne Pianificazione urbanistica; Decoro cittadino; Viabilità e mobilità sostenibile; Spazi per il benessere e le relazioni; Sportello Unico per l’Edilizia; Edilizia residenziale e pubblica; Politiche energetiche; Sport e Benessere; Accessibilità degli spazi, abbattimento delle barriere architettoniche ed accessibilità del patrimonio culturale, Patrizia Notaristefano Politiche per la famiglia, terza età, nuove generazioni; inclusione e vita autonoma; promozione del volontariato; servizio civile, Vittorio Sgarbi Valorizzazione del patrimonio artistico; Rapporti con l’area vasta; Comunicazione della Tuscia nel mondo; Organizzazione grandi eventi,
Katia Scardozzi servizi al cittadino e alle imprese- decentramento; Cura degli ex Comuni; Assistenza demografica; Politiche per l’innovazione tecnologica e digitale; Servizi Informatici; Trasporto scolastico
Elena Angiani, economie e risorse finanziarie – Bilancio; Patrimonio; Tributi; Economato; Benessere animale; Contenzioso; Politiche comunitarie ed internazionali.
Silvio Franco Sviluppo economico locale, Turismo, Agricoltura, Occupazione, Stefano Floris lavori pubblici – Manutenzione strade e impianti; Servizi Cimiteriali; Termalismo; Servizi pubblici locali; Gestione del verde e dei parchi; Progetto S. Barbara.

La sindaca Frontini ha commentato: “Abbiamo varato in tempi record la giunta, a 48 ore dal mio insediamento. Si tratta di una squadra compatta, già pronta al governo della città. Una squadra che ha trovato personale motivato, che ha predisposto tutto per le delibere, tra cui la prima sarà  l’esenzione totale della Tosap per gli esercizi commerciali fino al 30 settembre. Tutti i dirigenti ci hanno accolto a braccia aperte. Voglio ringraziare tutto il personale comunale”. Poi la sindacata ha spiegato: “E’ una giunta ad 8 che nei costi a carico dei cittadini è a 7 perché  Sgarbi svolgerà il suo incarico in modo gratuito. E’ questo un segnale importante di sobrietà, ma non a scapito della qualità del personale”. Poi Frontini spiega i criteri adottati: rappresentanza, genere, esperienza. “Abbiamo un’amministrazione giovane, alcuni con poca esperienza, ma vi dimostreremo che sapremo ben lavorare e che ci sarà sempre un cordone di protezione – ha precisato la sindaca- Vedete anche persone che hanno detto  non me la sento e questa è la comprensione più grande del ruolo che andremo a svolgere. Oggi presentiamo assessori, consiglieri delegati secondo settori di competenza che lavoreranno in sinergia”. Frontini, quindi, ha detto che si terrà la delega al personale per diventare un punto di riferimento per tutti coloro che sono il braccio operativo dell’amministrazione. Inoltre, si tiene anche la delega al trasporto della Macchina di Santa Rosa, perchè deve essere il primo cittadino a promuoverla nel mondo.  Tiene per sè anche il coordinamento per le politiche del rilancio del centro storico che necessiterà di un coordinamento centrale e tiene per sé anche gli affari più complicati, che devono essere gestiti con urgenza, ovvero le società partecipate e l’ambiente (rifiuti). Ha, quindi, presentato i vari assessori ed i consiglieri delegati, quali il delegato allo sport, Federico Tonnicchi, Paolo Moricoli per le politiche sociali e consulta del volontariato, benessere animale, Francesco Buzzi, delega al contenzioso, avvocato Luigi Gioiosi, delega alla valorizzazione del territorio, Marco Bruzziches, delega alla via Francigena, la prof. Alessandra Croci, delega rispetto contratto imprese e Apea, Marco Nuzzi, delega per il progetto del quartiere Santa Barbara, il più popoloso, al consigliere Daniele Rossi, accessibilità al patrimonio culturale ad Ugo Poggi, delega alle nuove generazioni, alla più piccola, Francesca Pietrangeli, delega al volontariato ed alla fraternità a Paolo Moricoli, delega all’educazione, rapporto con le scuole alla prof. Rosanna Giliberto, servizi al cittadino a Maria Rita De Alexandris, delega alle politiche per l’innovazione digitale a Simone Onofri. La sindaca ha poi aggiunto: “Le politiche per la sicurezza urbana restano in capo al sindaco con due figure speciali: Martinengo con la delega ai rapporti con le Forze armate e Di Fusco con delega polizia locale. Un’altra novità è che Umberto Di Fusco ricoprirà per la prima volta i rapporti istituzionali, una sorta di capo di gabinetto”.

Ha, quindi, preso la parola l’assessore Vittorio Sgarbi, collegato online, che ha detto: “Sono molto soddisfatto come sindaco di Sutri e con il mio ruolo istituzionale di partire da Viterbo con un coordinamento delle città della Tuscia e di altre città  quali Ferrara, Lucca, Siena, Venezia, Firenze, Palermo, Roma, città d’arte del Rinascimento”. Poi sul trasporto della Macchina di S. Rosa ha evidenziato l’importanza della sua versatilità di comunicazione, elemento utile per far conoscere il trasporto fuori dalle mura. Ha anche parlato di portare a Viterbo una mostra su Michelangelo, in dialogo con Sebastiano del Piombo. “Sono felice di essere assessore alla Bellezza e musei per farli uscire fuori dall’isolamento”. E’ stata poi la volta dell’assessore Antonozzi che ha assicurato: “Da domani le porte dell’assessorato alla Cultura sono aperte per tutte le associazioni culturali e operatori culturali. La cultura da oggi in avanti la facciamo insieme. Vi aspetto e conto sul vostro aiuto”.

L’assessore Notaristefano ha ringraziato il sindaco, tutti i colleghi e coloro che hanno fatto parte della grande squadra che ha consentito questo risultato. Ha poi detto che il suo assessorato sarà aperto a tutte le associazioni del terzo settore.

L’assessore Elena Angiani, che ha un’esperienza politica a Villa San Giovanni in Tuscia ha parlato di una grande emozione ed ha ringraziato il sindaco. “Nei prossimi giorni incontrerò il personale dell’assessorato per avviare il lavoro, sempre in collaborazione con il sindaco. Saranno settimane e mesi di studio per me. Ringrazio anche la mia famiglia, la cui vita è stata stravolta”.

L’assessore Katia Scardozzi  si è associata ai ringraziamenti ed ha evidenziato di aver creato con la gente una forza di cambiamento.

L’assessore Franco ha parlato di un’avventura che inizia oggi, ma ha radici da 4 anni fa, quando la sindaca andò a cercare il professore universitario presso l’ateneo. “Lei mi ha chiesto la mia disponibilità  di ricoprire questo ruolo  ed io un po’ incoscientemente ho accettato. Ho maturato consapevolezza delle cose da fare in questa città. Abbiamo ragionato su progetti, idee, oggi inizia questa avventura”.

L’avvocato Aronne ha parlato di un progetto ambizioso e come il tutto debba essere necessariamente un lavoro di gruppo.

L’assessore Stefano Floris ha ringraziato per l’incarico ed ha detto di lavorare con la sua squadra per risolvere i problemi della città.

Infine, in merito alla Cultura, l’assessore Antoniozzi ha spiegato che i primi 4 mesi saranno caratterizzati da due urgenze:  tutto quello che ruota intorno alla Macchina di Santa Rosa (voglio far uscire il bando di Santa Rosa, ma poco dopo quello delle manifestazioni natalizie, altra urgenza”). “Tolte queste due urgenze- ha detto Antoniozzi- cominceremo a lavorare sul teatro. il mio sogno è far diventare il teatro Unione un teatro produttivo. Per il teatro Genio c’è un progetto che vorremmo portare a destinazione, ovvero realizzare un museo del cinema con memorabilia legate al cinema storico italiano. Vorremmo riuscire a trasformare la galleria di questo teatro in un cinema d’essai”.

In conclusione la sindaca Frontini sugli appoggi forniti al ballottaggio da Fdi e le due liste di Luisa Ciambella ha detto: “Ringrazio Fdi come partito coraggioso che ha fatto una scelta di campo e lo stesso vale per le liste collegate a Luisa Ciambella. Entrambe sono state scelte di campo fatte per opporsi a qualcos’altro. A loro va il mio grazie sincero e sentito”.