VITERBO- “Meglio prevenire che curare” è il tema affrontato nell’incontro organizzato a Bagnoregio da “Coldiretti Senior per Sempre” di Viterbo, l’associazione dei pensionati presieduta da Vannino Cappelloni. Una giornata totalmente dedicata alla prevenzione, che avviene anche attraverso una sana alimentazione e al contrasto alle truffe contro gli anziani, grazie alla partecipazione della geriatra, la dottoressa Valeria Viti e al Luogotenente Marco Foti, comandante della stazione di Bagnoregio, che si è svolta nella Tenuta di Campolungo Campus Aquile Reali alla presenza del sindaco, Luca Profili.

E’ stato proprio il primo cittadino ad aprire i lavori, moderati da Elisabetta Rondini, che sono proseguiti con la tavola rotonda sul tema salute e prevenzione. Nel corso del dibattito è stato affrontato dal presidente di Coldiretti Senior per Sempre di Viterbo, Vannino Cappelloni, anche il tema del cibo sintetico, con i rischi che comporta per la salute e proprio dell’importanza per la salute del cibo italiano ha parlato la dottoressa Valeria Viti.

E dalla prevenzione per la salute si è passati alla prevenzione per la sicurezza con i consigli su come difendersi dalle truffe. Il tema è stato affrontato dal Luogotenente Marco Foti, comandante della stazione dei carabinieri di Bagnoregio, che ha approfondito in particolare quelle che sono le tecniche più recentemente utilizzate dai truffatori e affrontato il tema della prevenzione dei furti. L’invito è stato quello di rivolgersi immediatamente alla Stazione Carabinieri o al numero 112 per consentire ai militari di intervenire tempestivamente nei confronti dei malviventi.

Le conclusioni sono state affidate al presidente del del Lazio di Coldiretti Senior, Enzo Sperduti e alla presidente della federazione provinciale di Coldiretti, Maria Beatrice, che hanno affrontato l’importanza della dieta mediterranea, giudicata la miglior dieta al mondo, sulla base del best diets ranking elaborato dal media statunitense U.S. News & World’s Report’s, noto a livello globale per la redazione di classifiche e consigli per i consumatori.

Un successo, quello della dieta mediterranea, che evidenzia – rileva la Coldiretti – la considerazione all’estero degli effetti positivi sulla longevità e ai benefici per la salute, tra cui proprio la perdita e il controllo del peso, oltre a salute del cuore e del sistema nervoso, prevenzione del cancro e delle malattie croniche, controllo del diabete.

Sul successo della dieta mediterranea pesano, però, i pericoli legati alla creazione del cibo artificiale in laboratorio, oltre che i nuovi sistemi di etichettatura come il Nutriscore, una proposta ingannevole che ad esempio penalizza l’olio extravergine d’oliva, riconosciuto da tutti come elisir di lunga vita, mentre promuove a pieni voti bevande gassate e cibi senza alcun legame con prodotti naturali.

Per questo Coldiretti, anche attraverso i movimenti di Donne, Giovani e Senior, è impegnata a valorizzare i fondamenti della dieta mediterranea e ricostruire il legame che unisce i prodotti dell’agricoltura con i cibi consumati ogni giorno, mediante progetti rivolti ai cittadini consumatori di oggi e di domani.

La giornata si è conclusa con la santa messa celebrata da Padre Francesco, un pranzo conviviale e una visita gratuita a Civita di Bagnoregio con un mezzo messo a disposizione dal sindaco Luca Profili.