Nonostante la decisione del Comitato Olimpico Internazionale (CIO) di permettere agli atleti russi e bielorussi di competere sotto una bandiera neutra, World Athletics mantiene la propria posizione, confermando l’esclusione di questi atleti dalle competizioni di atletica leggera. La decisione è stata ribadita al termine di una riunione del consiglio dell’organizzazione a Montecarlo.

In un comunicato, World Athletics ha dichiarato che tutti gli atleti, il personale di supporto e i funzionari provenienti da Russia e Bielorussia sono esclusi da tutti gli eventi delle World Athletics Series e dall’ospitare qualsiasi evento di atletica internazionale o europeo. La nota sottolinea che questa esclusione continuerà fino ai Giochi Olimpici di Parigi nel 2024, a meno che non ci sia un cambiamento significativo nelle circostanze.

Il comunicato conclude sottolineando che, sebbene spetti al CIO decidere quali paesi possono partecipare ai Giochi Olimpici, è responsabilità delle federazioni internazionali decidere quali atleti del loro sport sono ammessi a competere. La posizione di World Athletics è in linea con la sua ferma presa di posizione contro la partecipazione degli atleti russi e bielorussi a seguito degli scandali legati al doping.