Il presidente cinese, Xi Jinping, ha incontrato a Pechino Ursula von der Leyen e Charles Michel, rispettivamente presidenti della Commissione e del Consiglio dell’Unione Europea. L’incontro ha sottolineato la necessità di una risposta congiunta alle sfide globali e ha focalizzato l’attenzione sulla crescita e la solidificazione delle relazioni tra Cina e UE.

Xi Jinping ha esortato a un “lavoro congiunto per arrivare alla fiducia politica”, sottolineando l’importanza di essere “partner in una cooperazione reciprocamente vantaggiosa”. Ha evidenziato il momento positivo delle relazioni tra Cina ed Europa, definendole “due grandi forze che promuovono la multipolarità” e “due grandi civiltà che sostengono la diversità”. Il presidente cinese ha dichiarato che la relazione tra le due parti è essenziale per la pace, la stabilità e la prosperità globale.

Il 2023 segna il ventesimo anniversario del partenariato strategico globale Cina-UE, e Xi Jinping ha sottolineato che questo rappresenta un “nuovo punto di partenza” che richiede saggezza e responsabilità per costruire un partenariato strategico globale solido.

Dall’altro lato, Ursula von der Leyen ha ribadito la volontà dell’UE di perseguire una relazione “stabile e reciprocamente vantaggiosa” con la Cina. Ha riconosciuto la Cina come il più importante partner commerciale dell’UE, ma ha sottolineato la necessità di risolvere gli “squilibri e le differenze” nelle relazioni economiche.

Durante la conferenza stampa, von der Leyen ha affermato la necessità di un “commercio equilibrato” e ha esposto una lista di elementi su cui lavorare per risolvere gli squilibri, considerando anche la gestione della capacità produttiva in eccesso della Cina.

Inoltre, von der Leyen ha dichiarato l’opposizione dell’UE a qualsiasi “cambio dello status quo nello Stretto di Taiwan con l’uso della forza”, sottolineando la volontà di risolvere le questioni attraverso il dialogo.

Nel contesto economico, la Cina ha registrato a novembre un surplus commerciale di 68,39 miliardi di dollari, superando le aspettative degli analisti. Le esportazioni sono cresciute dello 0,5%, interrompendo una serie di sei cali mensili consecutivi, mentre le importazioni sono diminuite dello 0,6%.

Il vertice bilaterale tra Cina e UE prosegue nella giornata, con l’obiettivo di affrontare questioni economiche e diplomatiche cruciali.